AutomotiveScienza e Cultura

Uber sta costruendo un centro tecnologico per i taxi volanti a Parigi

La compagnia intende volare alto, anche con le ambizioni.

Uber

Uber ha piani decisamente ambiziosi per mandare i taxi volanti in giro per le città, ma costruirli, si sa, risulta più difficile di qualsiasi altra cosa abbia mai fatto. Come tale, la società ha annunciato che aprirà un laboratorio di Parigi dedicato al suo programma Elevate chiamato Advanced Technologies Center Uber spenderà 20 milioni di euro (23,4 milioni di dollari) in cinque anni per sviluppare algoritmi di intelligenza artificiale, controllo del traffico aereo e altre tecnologie necessarie per il servizio.

L’azienda recluterà ingegneri, specialisti di intelligenza artificiale e ricercatori di computer vision quando il centro aprirà questo autunno. “I progetti iniziali includeranno: modellizzazione della domanda di trasporto basata sull’apprendimento automatico, simulazioni di gestione del traffico aereo a bassa quota ad alta densità, integrazione di soluzioni innovative di trasporto dello spazio aereo con i regolatori aeronautici europei come l’EASA e lo sviluppo di reti intelligenti per supportare future flotte di trasporto elettrico a terra e in aria “, ha detto Uber in un comunicato stampa.

Macron

 

La Francia, sotto la presidenza Macron, sta rapidamente diventando un centro per la ricerca sull’apprendimento automatico. Google ha recentemente dichiarato che sta costruendo un team di deep learning nella nazione, e Facebook prevede anche di raddoppiare il suo team di IA . La ragione? La Francia produce molti laureati di intelligenza artificiale nelle scuole di tutto il paese e progetta di creare un programma di intelligenza artificiale dedicato con l’obiettivo di raddoppiare il numero di studenti.

Con una forte domanda di talenti in Francia, tuttavia, Uber non troverà facilmente la possibilità di assumere laureati o ricercatori. Ha avuto una corsa irregolare lì, con i dirigenti che si trovano ancora ad affrontare azioni legali che hanno portato alla chiusura di UberPop nel 2015, in seguito a violenti scioperi da parte dei tassisti. Come negli Stati Uniti, la compagnia ha anche problemi persistenti di reputazione riguardo alle molestie sessuali e alla sicurezza dei passeggeri che potrebbero figurare influenzare la decisione di un ricercatore AI di lavorare lì.

Il problema più grande, tuttavia, è che le macchine volanti non sono mai state realizzate prima, e per una buona ragione: la tecnologia, i costi, la logistica e le normative sono tutti estremamente impegnativi.