Hardware

Il nuovo SoC per Smartwatch di Qualcomm supporterà il tracciamento degli occhi

Grazie alla tecnologia di eye-tracking, lo smartwatch sarebbe in grado di monitorare la posizione della pupilla e della cornea.

SoC_Qualcomm

Come riportatoQualcomm e Google stanno lavorando a un nuovo SoC per i prossimi smartwatch Wear OS e il primo modello per lo sport dovrebbe essere lanciato da Big G nel quarto trimestre del 2018. Il nuovo processore sarà realizzato da zero e sostituirà il vecchio Snapdragon Wear 2100 che non è altro che un Snapdragon 400 migliorato. Il chipset dovrebbe essere chiamato Snapdragon 3100 e, secondo i nuovi rapporti, porterà importanti innovazioni nel mercato dei dispositivi indossabili. Sembra che il nuovo SoC di Qualcomm supporti l’eye-tracking che dovrebbe rendere i wearable compatibili con occhiali AR come Google Glass.

Grazie alla tecnologia di eye-tracking, lo smartwatch sarebbe in grado di monitorare la posizione della pupilla e della cornea. Per raggiungere questo obiettivo, lo smartwatch dovrebbe includere una telecamera con supporto per un massimo di 120 fps e il SoC invierà 36 milioni di istruzioni al secondo per eseguire il tracciamento degli occhi. Oltre alla realtà aumentata, potrebbero esserci molte caratteristiche che potrebbero trarre vantaggio dal tracciamento degli occhi, come i dispositivi di sblocco e il controllo degli indossabili. Secondo Pankaj Kedia della divisione indossabile di Qualcomm, lo Snapdragon 3100 includerà anche diversi miglioramenti.

 

Sarà più efficiente, quindi aumenterà l’autonomia delle batterie. Fornirà una maggiore velocità di rendering, maggiore fluidità e più funzioni relative al monitoraggio della salute e del fitness. Il SoC includerà una CPU ARM Cortex A7 e una GPU Adreno 304, oltre a un nuovo gestore di energia chiamato Blackghost. Google dovrebbe annunciare il primo smartwatch con Wear OS e Qualcomm Snapdragon 3100 questo autunno. Secondo alcune voci, sarà prodotto da LG. Infatti, l’American FCC ha recentemente certificato uno smartwatch LG che non abbiamo mai visto prima.