AutomotiveScienza e Cultura

Il CEO di Uber parla delle auto a guida autonoma e della consegna di cibo tramite un drone

La società prevede di riprendere i test “nei prossimi mesi”.

Uber CEO

Il secondo giorno di Uber Elevate Summit 2018, l’amministratore delegato Dara Khosrowshahi è salito sul palco per un’intervista nella quale si è parlato di diversi argomenti, dal recente incidente fatale che ha coinvolto una delle sue auto a guida autonoma, fino al rapporto con Google e Waymo, passando per un drone in grado di effettuare delle consegne. Alla domanda su ciò che Uber ha appreso dopo che una delle sue auto a guida automatica ha colpito e ucciso un pedone a Phoenix, Khosrowshahi ha dichiarato: “La sicurezza deve venire prima”, mentre continua a spiegare che nel corso dei prossimi mesi riprenderanno i test delle auto. Ha affermato che Uber sta lavorando “mano nella mano” con l’NTSB, e ha dichiarato che un ritorno avverrà solo dopo una revisione della sicurezza “dall’alto verso il basso”.

 

Non ha specificato alcun dettaglio relativo allo schianto o alle indagini, inclusi i rapporti sui sensori della vettura che rilevarono il pedone ma lo ignorarono a causa delle impostazioni del software, ma ha detto di essere a conoscenza di “conseguenze indesiderate” nei test delle sue auto. Il CEO ha dichiarato che prima che la società avvii i voli di prova nel 2020, farà parte dei test annunciati dal Dipartimento dei Trasporti, in quanto proverà la consegna di cibo da parte di droni a San Diego.