Scienza e Cultura

L’algoritmo del MIT che garantisce ai droni di ottenere sempre i dati più aggiornati

I droni e le auto a guida automatica necessitano delle informazioni più aggiornate possibili per evitare incidenti

Drone

Si consideri un gruppo di droni che devono scambiarsi, in maniera costante, informazioni sulla propria posizione per evitare di scontrarsi tra loro. O un’auto intelligente che ha bisogno di dati da parte dei sensori fino al millesimo di secondo per evitare di schiantarsi contro  altre vetture o persone. Mentre le attuali reti sono progettate per inviare molte informazioni rapidamente, non gestiscono quanto siano aggiornate queste informazioni. I ricercatori del MIT stanno prendendo in esame questo problema e hanno creato un algoritmo che può aiutare a ottimizzare questa situazione su una semplice rete wireless. “Se stai scambiando informazioni sulla congestione, vorrai che le informazioni siano più aggiornate possibile”, ha dichiarato Eytan Modiano del MIT in una nota. “Se le info a disposizione sono datate, potresti prendere una decisione sbagliata, ecco perché l’età dei dati è importante.”

Rete Droni

In sostanza, i ricercatori hanno trovato un modo per calcolare un “indice” per ciascun nodo su una data rete wireless, come un singolo drone in una flotta di essi che invia dati a un server centrale. L’indice tiene traccia della freschezza dei dati trasmessi, dell’affidabilità del canale in cui invia le informazioni e della priorità del nodo specifico. Un valore di indice più alto significa che il nodo avrà priorità durante la trasmissione dei dati; i valori dell’indice possono variare dinamicamente o essere ponderati per nodi specifici, come un drone costoso o più veloce. Il team spera di riuscire a testare il suo algoritmo su reti radio e di sviluppare algoritmi destinati a reti più complesse.