Smartphone e gadgetWeb

Donald Trump ignora le regole di sicurezza nell’utilizzo dello smartphone

I consulenti preferirebbero sostituire più frequentemente i dispositivi usati dal Presidente.

Donald Trump

Politico riferisce che il Presidente degli Stati Uniti sta utilizzando dispositivi mobili in modi che potrebbero aumentare il rischio di essere violato. Secondo “alti funzionari dell’amministrazione”, Donald Trump conta su almeno due iPhone, uno per effettuare telefonate e uno per Twitter, quest’ultimo il social network più utilizzato dal numero uno della Casa Bianca.

Tuttavia, a differenza dell’iPhone rilasciato al presidente Obama, dove non era possibile effettuare telefonate, installare app, scattare foto o riprodurre musica, il discorso è ben diverso per Trump: il suo telefono per le chiamate include una videocamera e un microfono (il cui GPS è disattivato). Questi elementi significano che se fosse stato compromesso, qualcuno potrebbe monitorare i movimenti e le attività del presidente. La storia ha anche citato un anonimo funzionario dell’ala occidentale che ha affermato che i telefoni “vengono regolarmente scambiati periodicamente attraverso operazioni di supporto di routine. Per i controlli di sicurezza del telefono, Twitter e del relativo account, non è necessario un normale cambiamento.”

 

Second oquanto riferito, Aides vorrebbe che scambiasse mensilmente il dispositivo utilizzato per scrivere su Twitter, ma finora Trump ha resistito a quel consiglio definendolo “troppo scomodo”. La possibilità di una compromissione del dispositivo non è solo teorica: il capo dello staff, John Kelly, avrebbe usato un telefono per mesi che era stato compromesso da una fonte esterna. Nel ruolo in cui si trova, il presidente è in grado di rifiutare qualsiasi ordine da parte dei suoi collaboratori, ma sarebbe bello sapere che il prossimo tweet provenisse da un dispositivo mai compromesso e legittimato dalla Casa Bianca.