Smartphone e gadget

Spedizioni in crescita per Xiaomi nel primo trimestre del 2018

Bene le spedizioni, ma i profitti non crescono

Xiaomi

In vista dell’offerta pubblica iniziale della società, Xiaomi ha rivelato che le sue vendite di smartphone sono cresciute in modo significativo durante il primo trimestre del 2018, sebbene non abbia ancora conseguito un profitto. L’azienda non ha menzionato alcun numero esatto di spedizioni, ma ha confermato di aver registrato una crescita dell’88% durante i primi tre mesi dell’anno. Nonostante la mancanza di numeri ufficiali, tuttavia, Counterpoint Research ha recentemente stimato le spedizioni di 28,1 milioni di unità per il marchio durante il primo trimestre, dando a Xiaomi un market share globale dell’8%. Questo, insieme alle altre divisioni della compagnia, ha permesso entrate per 5,3 miliardi di dollari nel periodo, sebbene i margini di Xiaomi e vari costi una tantum hanno portato a una perdita di 1,09 miliardi di dollari per il trimestre.

Accantonando i risultati finanziari della società, è emerso che, contrariamente alla crescita registrata dal business degli smartphone, i ricavi complessivi della società sono in realtà diminuiti, con vendite mobili che rappresentano solo il 67,5% delle entrate nel periodo. Per fare un confronto, questo numero è rimasto oltre il 70% durante il 2017. In una nota a parte, che sicuramente soddisferà i potenziali investitori prima dell’IPO del marchio, Xiaomi ha rivelato che i suoi servizi online e prodotti per la casa intelligente sono cresciuti fino a quasi il 32% di tutti ricavi, in aumento rispetto al 29% del 2017.

Andando avanti, Xiaomi prevede di utilizzare fino al 40% del denaro raccolto attraverso la sua IPO per entrare o rafforzare il posizionamento dei marchi sia in Europa che nel Sud-est asiatico, con un’enorme attenzione ai suoi smartphone. Sfortunatamente, riguardo agli Stati Uniti, la compagnia non ha rivelato alcun dettaglio.