TV e VideoWeb

L’esordio di DAZN in Italia è stato un disastro

Numerosissime le critiche per "la prima" di DAZN

Dazn

L’inizio del campionato di serie A ha sancito l’esordio, nel nostro paese, di DAZN, la nuova piattaforma di streaming che, tra gli altri, trasmette anche i principali incontri di calcio del campionato di calcio italiano. Nonostante il primo mese gratuito, e la possibilità di disdire in qualsiasi momento senza alcun vincolo, gli abbonati Sky che vogliono usufruire del servizio per vedere le partite che l’emittente satellitare non trasmette, necessitano di un ticket che, anche se scontato, richiede l’esborso di 59,99 euro una tantum, al posto degli 89,91 euro richiesti, della validità di 9 mesi.

Il primo match trasmesso da DAZN è stato quello tra Lazio e Napoli, sollevando un polverone che nessuno si sarebbe né augurato, né aspettato. La quasi totalità degli utenti si lamenta della scarsissima qualità, e molti lamentano ritardi notevoli e blocchi durante lo streaming della gara; le segnalazioni provengono da ogni parte d’Italia, e anche da parte di utenti che utilizzano connessioni ultra-veloci, attribuendo quindi tutte le colpe alla nuova piattaforma. Sono in tanti che sul web si sfogano, minacciando immediata disdetta e criticando senza mezzi termini il servizio. Se “alla prima” qualcuno è disposto a perdonare, siamo certi che se dovessero verificarsi gli stessi disservizi anche durante la prossima giornata di campionato, la strada, per DAZN, sarebbe esclusivamente in salita.