Web

AGCOM: pretendiamo chiarimenti da Facebook

L'Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni ha inviato una richiesta di chiarimenti a Facebook.

FILE - This Jan. 17, 2017, file photo shows a Facebook logo being displayed in a start-up companies gathering at Paris' Station F, in Paris. Facebook is taking baby steps for now to address the latest privacy scandal after news broke Friday, March 16, 2018, that Cambridge Analytica may have used data improperly obtained from roughly 50 million Facebook users to try to sway elections. (ANSA/AP Photo/Thibault Camus, File) [CopyrightNotice: Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.]

Dopo il notevole polverone sollevato nei giorni scorsi dalla vicenda che lega il social network di Mark Zuckerberg alla società inglese Cambridge Analytica che ha utilizzato i dati degli iscritti a Facebook per la profilazione degli utenti e la personalizzazione degli annunci pubblicitari, l’AGCOM ha inviato una richiesta di chiarimenti al social network in blu.

Come sottolineato da Facebook attraverso un comunicato stampa, gli utenti hanno la possibilità di utilizzare applicazioni sviluppate da terzi; alcune di queste, però, consentono la raccolta di dati degli utenti con lo scopo preciso di realizzare comunicazioni politico-elettorali; alcuni di questi dati sarebbero già stati usati nel nostro paese nel 2012.

La richiesta da parte dell’Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni fa seguito a una richiesta inviata all’azienda di Zuckerberg in merito agli strumenti resi disponibili agli utenti e ai soggetti politici in relazione alla campagna elettorale che ha preceduto la recente tornata elettorale.