Web

Le app Android tracciano le disinstallazioni attraverso delle notifiche silenziose

Secondo un rapporto, alcun e app Android traccerebbero la disinstallazione attraverso notifiche silenziose

Android

Secondo un rapporto pubblicato ieri da Bloomberg, alcune app Android potrebbero utilizzare notifiche push silenziose per monitorare se e quando vengono disinstallate, il che è considerato come una violazione sia delle norme di Apple che di Google. Apparentemente questo viene fatto per indirizzare tali utenti con pubblicità inviate tramite notifiche, anche se i provider di tracciamento sostengono che questa funzionalità è concepita per valutare la risposta agli aggiornamenti e alle modifiche delle app.

 

Non siamo stati in grado di trovare la sezione precisa dei termini per gli sviluppatori di Google in base alla quale si presumo che questo comportamento sia una violazione, sebbene esistano alcuni termini API più ampi che potrebbero essere adattati alla violazione. Tuttavia, Bloomberg ha ricevuto un commento da Alex Austin, CEO di Branch Metrics Inc., che afferma che si tratta di una violazione e, indipendentemente dai termini di Google, pensa che “è generalmente abbozzato tracciare le persone su internet dopo aver rinunciato a utilizzare il tuo prodotto.”

 

Bloomberg elenca una serie di aziende che progettano soluzioni che includono questo comportamento silenzioso di tracciamento delle notifiche push e osservano che i clienti di queste aziende includono T-Mobile, Spotify, Yelp e la casa madre di Bloomberg.

A livello tecnico, il monitoraggio funziona eseguendo il ping delle app tramite notifiche push in modo silenzioso a intervalli regolari e prendendo nota quando ciascun dispositivo non risponde più a tali query. Includendo e registrando un ID pubblicità univoco con tali dati, sarebbe ipoteticamente in grado di tracciare e indirizzare quel dispositivo con annunci pubblicitari futuri.

I dettagli a questo punto sono vaghi, senza app verificate come utilizzando questo comportamento di tracciamento (ancora). Google non ha risposto a Bloomberg per un commento, quindi dovremo aspettare e vedere se qualcosa proviene da questa rivelazione. Nel frattempo, sentiti libero di cliccare sulla copertura di Bloomberg per maggiori informazioni sull’argomento.