Web

Cambridge Analytica chiude i battenti dopo lo scandalo del caso Facebook

La società, dopo lo scandalo del caso Facebook, ha deciso di alzare bandiera bianca.

Exterior Of Cambridge Analytica London Offices

Dopo il polverone sollevato dallo scandalo che ha coinvolto Facebook, Cambridge Analytica ha alzato bandiera bianca. In un comunicato stampa, la società afferma che “la copertura mediatica ingiustamente negativa” sull’incidente di Facebook ha “allontanato praticamente tutti i clienti e i fornitori della Società”, rendendo la sua attività non più finanziariamente redditizia. Lo stesso vale per SCL Elections, una società affiliata alla Cambridge Analytica:

Oggi, SCL Elections Ltd., così come alcune delle sue affiliate britanniche di Cambridge Analytica LLC, hanno presentato istanze di avvio di procedure di insolvenza nel Regno Unito. La società ha immediatamente cessato tutte le operazioni.

Inoltre, saranno presto avviati procedimenti paralleli in materia di fallimento per conto di Cambridge Analytica LLC e di alcune affiliate statunitensi della Società negli Stati Uniti Bankruptcy Court per il Southern District di New York.

Mercoledì, poco prima che la notizia della chiusura diventasse di dominio pubblico, Gizmodo ha riferito che i dipendenti degli uffici statunitensi di Cambrydge Analytica erano venuti a conoscenza che i loro posti di lavoro sarebbero stati tagliati, quando gli era stato ordinato di consegnare le loro keycards aziendali.

Date le sue già piuttosto oscure pratiche commerciali, resta da vedere se questa è davvero la fine per Cambridge Analytica o solo un rebrand strategico in attesa che l’assedio della copertura mediatica si plachi.