Web

Chrome 66 disponibile per Mac, Windows e Linux

Tra le novità introdotte, la restrizione della riproduzione automatica dei file multimediali e l’esportazione delle password

E’ da poco iniziato il rollout della versione 66 di Google Chrome per i sistemi operativi Mac, Windows e Linux, con una serie di novità sulle quali l’azienda di Mountain View stava lavorando da diversi mesi. A partire dal mese di gennaio, con il rilascio della versione 64, Chrome ha consentito agli utenti di di disattivare l’audio selettivamente, così da rendere l’esperienza di riproduzione dei contenuti più coerente; Google sta ora proseguendo con l’applicazione delle nuove norme che consentono di scegliere quando i contenuti multimediali possono essere riprodotti automaticamente. Chrome su Windows, a partire da questa versione, avviserà gli utenti quando software di terze parti inietta codice che provoca il blocco del browser; questi avvisi sono stati progettati con il preciso scopo di incoraggiare gli utenti a rimuovere le applicazioni incriminate.

In “Gestisci password”, è stata introdotta una nuova icona appena prima dell’elenco delle credenziali d’accesso memorizzate che prende il nome di “Esporta password”; se clicchiamo su, verrà mostrato una finestra dalla quale dovremo confermare il download dei dati, chiedendo l’immissione della password amministratore di Windows.

Sul fronte della sicurezza, Chrome 66 revoca i certificati di Symantec, dopo che la società ha deciso di non seguire gli standard di sicurezza del settore.