Web

Facebook annuncia Clear History: consentirà agli utenti di vedere quali siti li stanno monitorando

Gli utenti potranno impedire a Facebook di collegare i dati di navigazione al proprio account.

Mark Zuckerberg

Facebook sta dando il via alla sua conferenza F8, affrontando la domanda più scontata di tutte: cosa sta facendo la piattaforma per la privacy dei dati degli utenti? La risposta, a quanto pare, prende il nome di Clear History, una nuova funzionalità che il social network sta creando per dare agli utenti un maggiore controllo sulle informazioni raccolte dalla cronologia di navigazione. A grande richiesta degli utenti e dei partecipanti al Congresso , il responsabile della privacy di Facebook ha annunciato in un post che Clear History sarà sia uno strumento di monitoraggio che una serie di controlli. Consente agli utenti di vedere quali siti Web e app utilizzano gli annunci e le analisi di Facebook (inclusi quelli con il pulsante “Mi piace”) per inviare le informazioni di navigazione al social network. Quindi gli utenti hanno la possibilità di interrompere l’associazione di questi dati con il loro account personale.

 

Questi siti raccoglieranno comunque dati sull’attività degli utenti e li invieranno a Facebook, ma se un utente si disconnette dalle impostazioni, la piattaforma social non collegherà le informazioni al proprio account personale. Questo può sembrare banale, ma significa che quando la rete riconfeziona tali informazioni in informazioni pubblicitarie da vendere a siti e app, i dati degli utenti vengono raggruppati in insight demografici generali, non informazioni che identificano personalmente.

Considerando che il social network ha appena annunciato questo nuovo strumento, non è dato sapere quando verrà lanciato.

Today at our F8 conference I'm going to discuss a new privacy control we're building called "Clear History". In your…

Pubblicato da Mark Zuckerberg su martedì 1 maggio 2018