Web

Facebook ha trovato altre 200 app che potrebbero aver utilizzato in modo improprio i dati degli utenti

Dopo il caso Cambridge Analytica, non c'è tregua per Facebook.

Mark Zuckerberg

Dopo aver esaminato migliaia di app per vedere se qualcuno avesse usati i dati personali, il social network di Mark Zuckerberg ha trovato 200 nefande applicazioni e le ha sospese. I nomi delle app incriminate non sono stati ancora diffusi; Facebook ha detto che quando rileva che un’app ha abusato dei tuoi dati, notificherà agli utenti allo stesso modo in cui è avvenuto quando è scoppiato il caso di Cambridge Analytica. “C’è ancora molto lavoro da fare per trovare tutte le app che potrebbero aver usato male i dati di Facebook della gente, e ci vorrà del tempo”, ha detto la compagnia. Il CEO dell’azienda ha annunciato l’avvio dell’inchiesta il 21 marzo.