Web

Facebook sulle orme di Tinder: Zuckerberg annuncia il servizio di incontri

SI chiamerà Facebook Dating il servizio che trasforma Facebook nel Cupido digitale.

Facebook Dating

Mark Zuckerberg, in occasione dell’evento F8 dedicato agli sviluppatori, ha annunciato l’arrivo di un servizio d’incontri sulle orme di Tinder. Citando un articolo di Forbes del 2017 su come un matrimonio su tre negli Stati Uniti inizia online, Zuckerberg ha sottolineato che circa 200 milioni di utenti di Facebook attualmente si presentano come single sul social network. Quindi, perché non utilizzare il monopolio della piattaforma nelle interazioni sociali online per aiutare le persone a trovare un amore duraturo?

Facebook Dating, così si chiamerà, “rispecchierà il modo in cui le persone si incontrano nella vita reale, attraverso le esperienze che hanno in comune”. Gli utenti configureranno un profilo, che sarà separata dal loro normale account Facebook. Così facendo, tutte le attività svolte non verranno mostrate nel classico feed di notizie o condivise con i loro amici.

 

Gli utenti possono quindi selezionare i gruppi e gli eventi di cui sono già membri e “sbloccare” i loro profili di appuntamenti per tali attività, consentendo loro di visualizzare altri utenti che hanno attivato l’accesso nello stesso modo. Il servizio consiglierà le corrispondenze “in base alle preferenze di appuntamento, alle cose in comune e ai reciproci amici”, secondo una dichiarazione della compagnia. Questo è molto simile ai meccanismi utilizzati da Tinder e Hinge, in cui, se si è connessi a tali servizi tramite Facebook, non verranno mostrati i profili delle persone con cui si è amici. Se l’utente trova qualcuno a cui è interessato, il servizio offre un servizio di messaggistica di solo testo (per impedire l’invio di foto dannose o contenuti spam). Per preservare ulteriormente la privacy e la sicurezza, il profilo di un utente includerà esclusivamente il nome.

Nonostante l’annuncio in pompa magna del servizio, non si tratta di una nuova funzionalità per il sito: le app di appuntamenti esistenti che sfruttano Facebook generano già un avviso se tu e la persona che stai osservando hanno degli amici Facebook reciproci. Sembra che il social network stia semplicemente eliminando l’intermediazione (in questo caso di Tinder, Hinge e altri) per monetizzare il servizio.