Web

Google Pretty Please: come ottenere risposte più gentili

Anche all’assistente intelligente di Mountain View è bene chiedere “Per favore”

Anche Google ha la volontà e la ferma intenzione l’educazione di quelli che sono i propri utenti, specialmente quelli più piccoli, e Pretty Please è parte integrante del programma . L’obiettivo dell’azienda è, infatti, sia quello di promuovere che incoraggiare un comportamento educato, e tale volontà fa parte anche dei prodotti che il numero uno della ricerca sviluppa.

 

Google ha da poco introdotto “Pretty Please”, ovvero “Per favore” all’interno di Google Assistant.

Tale caratteristica, al momento rivolta esclusivamente al mercato statunitense, consentirà agli utenti più educati di ricevere risposte gradevoli e diverse dal solito da Google Assistant.

 

Come si può osservare dall’immagine animata presente nella parte sottostante, alla richiesta:

Google

Hey Google, per favore imposta un timer di 5 minuti

 

l’assistente risponderà:

 

Grazie per averlo chiesto così gentilmente. D’accordo, 5 minuti. A partire da ora.

 

Google fa sapere che la funzionalità “Pretty Please” è attiva, a partire da oggi, sull’intero parco dispositivi compatibili con Google Assistant. Al momento non sono state diramate informazioni circa l’eventuale distribuzione della medesima funzionalità nel nostro paese.