Web

Il CEO di YouTube parla della demonetizzazione dei contenuti

Susan Wojcicki ha annunciato un programma pilota per correggere gli algoritmi che penalizzano i piccoli creatori.

Susan Wojcicki, CEO di YouTube, ha annunciato in un posto sul blog ufficiale che YouTube è in procinto di lanciare un programma pilota con un piccolo gruppo di utenti nel tentativo di affrontare e migliorare il problema della demonetizzazione dei contenuti sulla piattaforma di video sharing numero uno al mondo.

Nel posto, Wojcicki ha riconosciuto le frustrazioni di molti creatori di contenuti che hanno espresso le loro preoccupazioni, affermando che le ultime due settimane erano state molto “impegnative” e che YouTube era “impegnato a comunicare in maniera più trasparente con tutti voi”, affermando anche che “i canali che guadagnano a cinque cifre ogni anno crescono di oltre il 35%, mentre quelli a sei cifre hanno fatto registrare un incremento di oltre 40 punti percentuali”.

Questa è sicuramente una notizia positiva per le persone che stanno già ottenendo risultati molto positivi su YouTube, ma meno per quelli che hanno dovuto fare i conti con le più severe regole di ammissione per monetizzare i contenuti. “Mentre sappiamo che alcuni creatori hanno trovato frustrante questo cambiamento, le nuove norme hanno rafforzato la fiducia degli inserzionisti, rendendo la monetizzazione e la community più ampia su YouTube per i creatori che sviluppano la propria attività sulla piattaforma”, afferma Wojcicki.

Nel post, il dirigente afferma che la piattaforma vuole offrire maggiori opportunità ai creatori, e coinvolgere i fan e affrontare gli abusi.

Wojcicki ha anche annunciato il lancio, imminente, di un programma pilota di YouTube destinato a risolvere i reclami relativi all’algoritmo di caricamento, che gli utenti ritengono abbia demonetizzato in modo errato i video pubblicitari; il programma sta per essere avviato con “un piccolo gruppo di creatori per testare un nuovo flusso di caricamento video che chiederà ai creator di fornire informazioni specifiche su ciò che hanno realizzato, in relazione alle nostre linee guida per gli inserzionisti”.