Web

Microsoft ha rilevato attacchi di phishing russi su tre campagne del 2018

Provengono dallo stesso gruppo che ha hackerato il DNC nel 2016

Microsoft

La Russia sta ancora lanciando attacchi informatici contro gli Stati uniti, ha rivelato un dirigente di Microsoft, contraddicendo ciò che il presidente ha affermato solo pochi giorni fa. Secondo il Microsoft VP per la sicurezza e la fiducia dei clienti Tom Burt, la squadra ha scoperto una campagna di spear-phishing indirizzata a tre candidati in carica nel 2018. Burt ha annunciato i risultati del suo team mentre parlava al panel dell’Aspen Security Forum, dove ha rivelato di aver rintracciato la nuova campagna di un gruppo che si ritiene essere gestito dal GRU, la più grande agenzia di intelligence straniera della Russia. In altre parole, quei tre candidati sono presi di mira dalla stessa organizzazione che si è infiltrata nel DNC e la campagna presidenziale di Hilary Clinton nel 2016.

Recentemente gli Stati Uniti hanno incriminato 12 funzionari della GRU russa, 11 dei quali sono accusati di aver hackerato il DNC e di aver diffuso le e-mail del partito allo scopo di influenzare le elezioni del 2016. L’ultimo funzionario del GRU nominato nell’atto di accusa è accusato di irruzione nel consiglio di stato delle elezioni e dei sistemi di proprietà delle società che realizzano software per scopi elettorali, con lo scopo di aver rubato mezzo milione di informazione degli elettori. Mentre Burt divulgava le scoperte di Microsoft al pubblico, si rifiutava di nominare gli obiettivi e le loro parti a causa di problemi di sicurezza. Ha detto, tuttavia, che sono “candidati degni di nota” che “stanno correndo per la rielezione”. Nessuna delle due parti avrebbe confermato se i loro candidati sono stati presi di mira, ma Xochitl Hinojosa ha dichiarato a BuzzFeed News: “Abbiamo visto i russi attaccare la nostra democrazia nel 2016 e sappiamo che sono una minaccia nel 2018, 2020 e oltre”. Ha aggiunto che è spiacevole che il presidente non stia prendendo seriamente la questione e come i repubblicani di House rifiutino di aumentare i fondi per la sicurezza elettorale.