Web

Nuovo scivolone per Facebook: resi pubblici i post di 14 milioni di utenti

Il social network, a causa di un bug, ha reso pubblici i post di 14 milioni di utenti.

Facebook

Facebook ha avuto un periodo difficile con la privacy e la fiducia degli utenti, in netta diminuzione. Tra il problema delle fake-news durante le elezioni del 2016, e le rivelazioni sul data scraping durante le campagne politiche, è stato un inizio molto difficile del 2018.

Nonostante ciò che ha affermato Mark Zuckerberg, le cose non stanno migliorando. In effetti, secondo  Recode , stanno diventando molto, molto peggio. 14 milioni di utenti di Facebook che pensavano di pubblicare contenuti per gli amici o selezionare determinati gruppi di persone alle quali mostrare i propri post, li rendevano invece visibili a chiunque, ha detto Facebook giovedì.

Il problema è stato causato da un bug del software che è stato attivo per 10 giorni nel mese di maggio, secondo la compagnia. Durante questo periodo, le impostazioni sulla privacy dei post di alcuni utenti sono state modificate rendendo i contenuti pubblici, senza nessun preavviso. Il bug ha apparentemente colpito 14 milioni di persone, anche se sembra che Facebook non sappia quanti di questi utenti potrebbero aver effettivamente pubblicato qualcosa. Il social network sta notificando gli utenti interessati, a partire da oggi.

 

Ci piacerebbe scusarci per questo errore“, ha dichiarato Erin Egan, responsabile della privacy di Facebook, in una dichiarazione. A prima vista, sembra che Facebook stia effettivamente affrontando questo particolare problema in un buon modo. Ammette l’errore stesso, lo fa tempestivamente e notifica in modo proattivo a chiunque sia interessato. Si tratta del nuovo ed ennesimo problema con il quale la società di Mark Zuckerberg dovrà confrontarsi.