Web

Spotify potrebbe avere 150 milioni di iscritti entro il 2020

Il futuro del servizio di streaming musicale è sempre più roseo secondo gli analisti.

Spotify

Spotify rappresenta uno dei servizi più interessanti grazie a una delle migliori prospettive di crescita in ambito tecnologico, con gli abbonati destinati a raddoppiare entro il 2020, secondo Raymond James. I fattori chiave dell’azienda, tra cui guadagni in quote di mercato, nuove aree geografiche e piani familiari dovrebbero portare ad un aumento degli abbonati a pagamento a circa 150 milioni dagli attuali 75 milioni nel giro di due anni, secondo l’analista Raymond James.

L’industria musicale sta passando da un modello tradizionale a quello on demand, e Spotify è ben posizionata per raddoppiare la propria base di iscritti, espandere il margine lordo e generare flussi di cassa liberi”, scrive Patterson. Ha “uno dei migliori tassi di crescita della tecnologia”; “le grandi aziende tecnologiche sono senza dubbio la più grande minaccia competitiva a Spotify. Ma quando esaminiamo le strategie go-to-market, vediamo alcuni modi in cui queste aziende possono intensificare la concorrenza e attirare più utenti”, ha affermato.

Dubitiamo che Apple abbia mai superato Spotify nella musica”, ha aggiunto. “Piuttosto, il rischio è che Apple rallenti la crescita di Spotify nei mercati in cui i dispositivi iOS hanno grandi basi installate.” Le azioni di Spotify hanno guadagnato il 2,5% nel corso dell’ultimo mese e oltre il 6,5% dal suo insolito debutto commerciale avvenuto all’inizio del mese di Aprile.