Web

WhatsApp limita l’inoltro dei messaggi per combattere la diffusione di notizie false

WhatsApp

WhatsApp sta apportando un altro cambiamento al suo servizio per prevenire la diffusione di disinformazione mediante alcune modifiche alla sua funzione relativa all’inoltro dei messaggi. Ora, gli utenti potranno solo inoltrare messaggi a 20 contatti alla volta; le persone in India si limitano a inoltrare messaggi a solo cinque persone alla volta. Inoltre, il pulsante di scelta rapida per l’inoltro dei messaggi che appare accanto a immagini e video verrà rimosso.

 

L’azienda sta applicando un limite più stringente di inoltro agli utenti in India, dove la diffusione di messaggi fuorvianti nell’ultimo anno ha portato a diversi problemi, tra cui 30 linciaggi di persone sospettate di essere rapitori. Il governo ha risposto all’inizio del mese chiedendo a WhatsApp di apportare modifiche alla sua piattaforma per affrontare la diffusione di fake-news, senza fare molto per affrontare le questioni sistemiche che portano a questi orribili incidenti. WhatsApp ha quindi iniziato ad etichettare i messaggi inoltrati per chiarire che non sono stati creati dalla persona che li ha inviati. Ha inoltre inserito annunci pubblicitari all’interno di alcuni importanti giornali indiani, con indicazioni su come identificare la disinformazione.

WhatsApp

 

 

L’Economic Times ha riferito all’inizio di questa settimana che il governo indiano non era soddisfatto di tali iniziative e che voleva che WhatsApp facesse di più, come identificare le conversazioni di gruppo in cui si diffondono le voci. Inoltre, ha creato un gruppo interno per esaminare le altre misure che l’azienda può adottare e prendere in considerazione l’idea di inviare un secondo avviso per forzare WhatsApp a fare di più. Se la società non riesce a soddisfare i requisiti del governo, potrebbe affrontare conseguenze disastrose. In precedenza, l’India ha disabilitato i servizi di Internet mobile e inibito l’accesso alle piattaforme di social media per un gran numero di persone di fronte a disordini diffusi.