Web

Aumenti in vista anche per le tariffe Wind: ufficiali le nuove rimodulazioni

Anche Wind, come le altre aziende, ritocca al rialzo le proprie offerte

Wind

Dopo Vodafone, che ha annunciato le ennesime rimodulazioni che tanto stanno facendo indignare gli utenti dell’azienda inglese, anche gli altri competitor sembra stiano per intraprendere la stessa strada. A partire dal 5 ottobre, infatti, anche Wind ritoccherà al rialzo molte delle sue offerte, sia mobili che fisse. I piani interessati dall’aumento saranno: Absolute ADSL e Absolute+ anche nelle varianti 20 Mega; Absolute Fibra e Absolute Fibra 30,50,100; All Inclusive, All Inclusive Unlimited, All Inclusive Fibra e All Inclusive Unlimited Fibra.

Nell’interesse di molti, e anche per dovere di cronaca, è doveroso fornire indicazioni su come, eventualmente, recedere il contratto, successivamente alla rimodulazione, qualora non vogliate incappare in eventuali penali previste:

“Le ricordiamo che, come previsto dall’art. 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, qualora non accettasse tale variazione, potrà esercitare il diritto di recesso dal contratto dai servizi WIND o passare ad altro operatore senza penali né costi di disattivazione entro il 4 ottobre 2018, inviando una comunicazione avente come causale di recesso: “modifica delle condizioni contrattuali” attraverso uno dei seguenti canali: lettera raccomandata A/R al seguente indirizzo: WIND Tre SpA. – Servizio Disdette – Casella Postale 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 Milano, PEC all’indirizzo servizioclienti155@pec.windtre.it, punto vendita Wind di proprietà, chiamata al 155 per acquisire la sua richiesta ed accertando la sua identità, inviando una richiesta da Area Clienti Wind dalla sezione Assistenza Guidata”.